domenica 12 ottobre 2014

I Consigli del Padrone Bill Gates ai giovani schiavi dell'economia globalista.


 

Sul nazicriminale, fautore della depopolazione e partecipante al Bilderberg dei gesuiti Bill Gates abbiamo già scritto parecchio sul nostro blog, si vedano questi articoli come esempio:
Bill Gates finanzia le nanotecnologie dei vaccini celati
Vaccinare il mondo: Gates e Rockefeller Ricercano la Riduzione della Popolazione Globale
Baby Freeze: Il Controllo della Popolazione è la Nuova Soluzione al Riscaldamento Globale?
Adesso sul sito goofynomics abbiamo trovato, nei commenti, uno stimolo per occuparci nuovamente di Bill Gates. Qui viene riportato un link ad un articolo dell'Ansa dove vengono elencate le 10 cose, che secondo Bill Gates, la scuola non insegna. L'articolo dell'Ansa è stato tratto dal sito di quei coglioni di skuola.net, dai quali, visto l'andazzo dei loro articoli, ci aspettiamo che in futuro pubblichino qualcosa del tipo: le cose che la scuola non insegna: Credere, Obbedire, Combattere, o magari qualche manifesto di Hitler o del Duce


 Su goofynomics poi viene anche citato un articolo (in inglese) dal titolo How to Become As Rich As Bill Gates (COME DIVENTARE RICCO QUANTO BILL GATES), che ci proponiamo di tradurre in seguito, ma che inizia così:


Lezione 1: Scegli i tuoi nonni con attenzione
Il nonno di Bill era un banchiere e quando nacque gli intestò su un fondo fiduciario un milione di dollari del 1955.
 
Lezione 2: Scegli i tuoi genitori con attenzione
Sua madre era nel consiglio nazionale di United Way (so' tanto caritatevoli), insieme a John Opel, l'amministratore delegato di IBM che approvò l'inclusione di MS/DOS con il PC IBM originale.



Sappiamo tutti (eccetto i minchioni dell'Ansa e i fascistelli di Skuola.net) che, negli USA odierni, il ceto di provenienza delle persone ha un influsso decisivo sul loro destino; ed è per questo che il sogno americano di mobilità sociale attraverso il duro lavoro è diventato per lo più un incubo; non importa quanto lavori e ti impegni, la maggior parte delle volte rimarrai bloccato con lavori da fame nel tuo ceto di origine, se non peggio; però, il mito del duro lavoro e della responsabilità personale che dovrebbero portare i poveri e i disgraziati all'emancipazione, propagandato dal fascista globale Bill Gates, è rimasto tale, ma il suo obiettivo è cambiato, anche se non di molto: fornire illusioni necessarie alle masse povere e disgraziate al fine di mantenere in essere uno stato di schiavitù globale di manodopera a basso costo e privata di ogni diritto; traiamo queste conclusioni da alcuni dati forniti dall'economista J. Stiglitz, citati in questo articolo:



"A suffragio di questa tesi l’economista americano riporta alcuni dati che valgono più di mille parole: il reddito dell’1% più ricco degli americani rappresenta circa il 25% di tutta la ricchezza prodotta in un anno, mentre il loro patrimonio ammonta addirittura al 40% della ricchezza totale. Venticinque anni fa queste percentuali erano rispettivamente il 12% e il 33%. Il reddito mediano è minore di quello di quindici anni fa, mentre la ricchezza mediana è pari a quella degli anni ’90. Ci sentiamo spesso ripetere da molti economisti che “se la torta diventa più grande, la fetta che prendiamo è sempre più grossa” o che “l’alta marea solleva tutte le barche”; sembra invece che, nonostante la torta sia cresciuta, le fette per le persone comuni siano sempre più piccole e che l’alta marea abbia inghiottito e non sollevato chi si trovava sulle barche più piccole. In termini di uguaglianza di reddito gli Stati Uniti sono ormai sempre più simili alla Russia degli oligarchi.
Alcuni potrebbero pensare che, dopotutto, c’è chi vince e c’è chi perde e che non è colpa di nessuno se non tutti hanno le stesse possibilità perché le disuguaglianze sono inevitabili e il cercare di appianarle limiterebbe l’efficienza dell’economia. Al contrario l’illustre premio nobel americano, nel suo ultimo libro, smonta queste argomentazioni dimostrando come una maggiore uguaglianza sia non solo moralmente più auspicabile ma porterebbe a un notevole miglioramento dell’economia reale.
Stigliz afferma che, all’aumentare della diseguaglianza, diminuiscono le opportunità delle classi più disagiate per poter migliorare la propria condizione. Questo vuol dire sprecare alcune delle persone più brillanti che, per mancanza di risorse finanziarie, non possono accedere a un’istruzione di livello superiore e quindi non possono dare il proprio contributo alla società mettendo le proprie capacità al servizio della collettività. Perciò più uguaglianza significherebbe avere una società più efficiente.
Inoltre la disuguaglianza rende l’economia più debole: l’1% più ricco della popolazione, che possiede la maggior parte della ricchezza, spende solo una piccola frazione delle proprie risorse. L’aver spostato questa ricchezza dai ceti meno abbienti a quelli più ricchi ha diminuito la domanda aggregata, cioè i consumi, e ha rafforzato la speculazione. Per compensare questa diminuzione si è dovuto creare una domanda fittizia alimentata dal credito facile erogato dalle banche attraverso mutui, carte revolving e altri strumenti finanziari. Questo ha portato l’80% della popolazione più povera a indebitarsi fino a spendere il 110% del proprio reddito portando allo scoppio della crisi dei mutui subprime. Per questo motivo più uguaglianza significherebbe avere un’economia più solida.
Infine Stigliz descrive come spesso i più ricchi ottengano guadagni giganteschi senza dare alcun contributo alla società. Si pensi ad esempio ai banchieri o ai manager che, pur avendo dato origine alla crisi, hanno ottenuto bonus stratosferici. A chi pensa che tassando queste categorie si rischi di limitare la creazione di posti di lavoro Stiglitz risponde che, più che creatori di posti di lavoro, i grandi manager e banchieri ne siano stati piuttosto i distruttori. I soldi ottenuti in questo modo potrebbero essere investiti in ricerca, infrastrutture ed educazione che creerebbero nuove opportunità per i meno abbienti e quindi darebbero un forte contributo all’economia.
Il sogno americano sembra ormai un pallido ricordo e le statistiche descrivono la mobiltà sociale statunitense come una delle più basse dei paesi industrializzati. Pertanto se volete davvero vivere il sogno americano, invece di partire per New York, vi conviene piuttosto prenotare un volo per la Scandinavia.”



Adesso invece vi riportiamo le paternali di Bill Gates e qualche nostro commento:



PATERNALE 1 - La vita è ingiusta, bisogna abituarsi
(nota di nwo-tr: Caro coglione Bill Gates, la vita è ingiusta anche per il mondo globalizzato e selvaggio che tu e i tuoi compari del Bilderberg dei Gesuiti avete creato con le vostre banche e multinazionali del cazzo.)
PATERNALE 2 - Al mondo non importa granché della vostra autostima. Piuttosto, si aspetta che combinate qualcosa, prima di poterne gioire voi stessi.
(nota di nwo-tr: Visto quello che hai combinato tu, descritto qui e altrove nel nostro blog, noi ci accontentiamo di essere delle persone normali e rivendichiamo solo i nostri diritti costituzionali, come una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del nostro lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a noi e alla nostra famiglia un'esistenza libera e dignitosa.)
PATERNALE 3 - Non si guadagnano 60.000 dollari all’anno appena usciti da scuola. Non ci saranno telefono e auto aziendale per voi, se non ve li sarete guadagnati.
(nota di nwo-tr: non vi preoccupate studentelli, se tutto va bene la maggior parte di voi queste cose non le avrà nemmeno dopo 20 anni di lavoro da schiavo.)
PATERNALE 4 - La vostra insegnante è dura con voi? Aspettate di avere un capo.
(nota di nwo-tr: e zitti e muti, perché se solo rivendicate qualche diritto, il vostro capo si incazza e vi sbatte fuori a calci nel culo. Chissà perché mi ricorda molto il famoso detto: Quando torni a casa, tu picchia tua moglie. Tu non sai perché, ma lei si.)
PATERNALE 5 - Lavorare in un fast food non significa “abbassarsi”. I vostri nonni chiamavano situazioni simili “opportunità”.
(nota di nwo-tr: peccato che poi ci sono fior fior di laureati, specie qui in Italia e USA, che dopo la laurea e la specializzazione, e dopo aver colto “l'opportunità” di lavorare in un fast-food o in un call center, a 40-50 anni si trovano disoccupati oppure hanno fatto il “salto” di carriera come lavacessi.)
PATERNALE 6 - Se fate qualche guaio, non date la colpa ai vostri genitori. Basta piagnucolare, prendetevi le vostre responsabilità e imparate dai vostri errori.
(nota di nwo-tr: Caro Bill, vuoi dire che i tuoi genitori non hanno alcuna responsabilità per tutti i guai che tu hai combinato nel mondo? Poi, sottinteso: zitti e muti, mettetevi in riga, il vostro capo e i vostri genitori hanno sempre ragione, anche se vi prendono a calci in culo o vi danno cinghiate.)
PATERNALE 7 - Prima della vostra nascita, i vostri genitori erano molto diversi da come li conoscete. Sono decisamente peggiorati a furia di pagare le vostre bollette, pulire i vostri vestiti eripetere all’infinito quanto siete bravi e intelligenti. Quindi, prima di diventare vegani e andare a salvare le tartarughe, iniziate a pulire la vostra stanza e mettete in ordine tutto ciò che si trova al suo interno.
(nota di nwo-tr: un genitore molto spesso fa queste cose con amore e non non lo fa certo per rinfacciarle e colpevolizzare i figli; poi, certo, i problemi del mondo, derivano dal fatto che i “bamboccioni” non mettono in ordine la loro stanza; proposta: implementiamo un sistema con telecamera e pistola elettrica collegati ad un pc Microsoft in ogni stanza, cosicché il bamboccione non sgarri; la Fondazione Rockefeller, in collaborazione con la Fondazione Bill & Melinda Gates, hanno anche elaborato uno studio dove analizzano la correlazione tra la mancanza di messa in ordine delle stanze degli adolescenti e lo scioglimento delle calotte polari, con conseguente disastro globale, e hanno proposto che a questi problemi globali devono essere date delle risposte globali con l'implementazione, in ogni stanza adolescenziale del globo, di un sistema di videosorveglianza con annessa pistola elettrica, gestito da un sistema Windows; ciò si rivelerà uno strumento educativo anche quando, in futuro, il “bamboccione” andrà a lavorare e si troverà in un'azienda sorvegliata e circondata da militari con taser; perché, lo sappiamo tutti, che se ai giovani non dai qualche cinghiata o non li controlli, questi sono tutti dei viziati, dei fannulloni o degli scansafatiche e non vogliono lavorare per 400 euro al mese, che è già tanto per la loro età irresponsabile!)
PATERNALE 8 – A scuola può capitare che vi siano state date delle opportunità all’ultimo minuto per non essere bocciati. Scordatevelo nella vita reale!
(nota di nwo-tr: certo, nel mondo che abbiamo creato io, il Vaticano, i Gesuiti, Rockefeller, SCORDATEVI PROPRIO DI AVERE DELLE OPPORTUNITA'.)
PATERNALE 9 - La vita non è divisa in quadrimestri, e durante l’estate bisogna darsi da fare quanto in inverno. E sono molto pochi i datori di lavoro disposti ad aiutarvi ad essere assunti: è una vostra responsabilità.
(nota di nwo-tr: leggiamo insieme l'articolo 36 della Costituzione, quella che non insegnano a scuola:
“Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.
La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.
Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.”
Ma nel nuovo codice del lavoro di Bill scordatevi il diritto ad un lavoro dignitoso, e alle ferie retribuite, sancito nella nostra Costituzione in via di disfacimento; per Bill Gates dovete sputare sangue 365 giorni l'anno e se avete bisogno di riposo dormite di notte, brutti fannulloni di merda e scansafatiche del cazzo; certo, poi che se manca il lavoro e in Italia abbiamo una massa di giovani disoccupati è perché questi sono inevitabilmente dei fannulloni e non vogliono prendersi sulle loro spalle la responsabilità di cercarsi un lavoro.)
PATERNALE 10 – Non fidatevi dei professionisti che si vedono nelle fiction televisive: non avrete così tanto tempo libero. Nella vita reale, le persone lasciano il caffè a metà e vanno a lavorare.
(nwo-tr: tradotto vuol dire: rigate dritto brutti fannulloni di merda, pretendete anche di fare delle piccole pause nell'orario di lavoro per riposarvi ogni tanto e prendere un caffè? questo è FURTO DEL TEMPO!)

p.s. nwo-tr: non avendo indicato l'Ansa una fonte certa delle parole di Bill, tranne il sito skuola.net, ci basiamo sull'attendibilità dell'Ansa come agenzia di stampa che riporta notizie; comunque tali paternali sono in linea con il nostro personaggio Bill; e sono certo anche in linea con l'opera di distruzione dei diritti portata avanti dal gesuitico Matteo Renzi; in quanto tali sono un vero e proprio manifesto propagandistico dei padroni, abbracciato, sostenuto e divulgato dai nostri organi di informazione nazionali al fine di "educare" alla disciplina le masse amorfe di lavoratori-schiavi ed imporre un modello unico di comportamento all'interno dell'economia globalista; che questi dettami siano espressione di Bill Gates piuttosto che di Marchionne, o siano una pura opera di propaganda inventata di sana pianta dagli organi di stampa dei padroni, poi non cambia molto la sostanza che vediamo sotto i nostri occhi tutti i giorni, quella della distruzione della democrazia e dei diritti e l'imposizione di una spietata disciplina ai dominati.

mercoledì 1 ottobre 2014

Il dilemma dei laureati: restare o scappare?




Sei un laureato intelligente e capace e sei consapevole di quello che ti offre l'Italia e ti arrovelli la testa con questo dilemma: ragione o torto a scappare all'estero? Non è possibile giudicare semplicisticamente questi drammi, perché drammi sono; ogni storia è un caso a se. Se decidi di andare all'estero devi avere molto coraggio, devi conoscere le lingue o devi faticare per impararle; se non hai qualche aggancio all'estero può essere sicuramente più dura, eppoi vige il detto che sai cosa lasci e non sai cosa trovi; d'altro canto se lasci il tuo paese e se sei capace ed intelligente, privi il paese di risorse intellettuali.

 Ma è anche vero che il tuo paese le risorse intellettuali non le vuole impiegare e pagare adeguatamente; siamo uno dei pochi paesi in Europa dove più studi e meno guadagni; il paradosso è che in Italia abbiamo la più bassa percentuale di laureati in tutta Europa (dati di fatto Almalaurea, che abbiamo analizzato nel nostro sito al seguente link: Italia, un paese sul lastrico in mano al Vaticano che lascia i poveri a morire di fame ) e quei pochi che si laureano non riescono a trovare lavori secondo le proprie competenze; quei pochi che poi riescono a svolgere una professione attinente al proprio settore di studi vi arrivano magari dopo anni e anni di precariato con paghe da fame; perché avviene questo? A causa di scelte politiche e a causa dell'ingresso dell'Italia nell'Europa del carcere dell'euro che favorisce le aziende e la tecnologia del nord, ed ingabbia il sud (ma adesso la crisi sta arrivando anche al nord) in una condizione simile a quella del Terzo Mondo; oltre a ciò sembra che in Italia, anziché una risorsa, laurearsi sia considerato un vizio; in altri paesi la cultura, le competenze, le capacità elevate sono considerate un volano per l'economia, in Italia no; in Italia dovremmo tutti andare a pulire cessi o a fare i pizzaioli o i camerieri per 500-600 euro al mese, anche se abbiamo 3 lauree e parliamo 5 lingue, perché se non ti adatti sei stigmatizzato come schizzinoso dai nostri ricchi e viziosi ministri europeisti espressione del potere corrotto del Vaticano, i quali vogliono un "progresso" fatto di schiavitù, stipendi da fame e sottomissione per intere generazioni di lavoratori.

Leggiamo, per fare un esempio, un articolo tratto dall'ANSA:



Leggiamo le prime righe: “I giovani del 2014 hanno voglia di lavorare e riscoprono anche i mestieri del passato. Altro che schizzinosi, i laureati cercano un posto nelle scuole: non come prof ma come bidelli.

Capiamo a che livelli di sfruttamento siamo arrivati? Nessuno si scandalizza più di queste notizie? E' considerato valoroso (altro che schizzinosi) colui che ha studiato 5-6 anni per diventare un ingegnere, impiegando soldi e tempo, e poi butta tutta la sua istruzione nel cesso perché l'ITALIA VUOLE che lui faccia il bidello; il messaggio sottinteso è....vi ricordate? ….la Fornero, dall'alto della sua poltrona di ministro all'interno del gesuitico governo Monti, diceva ai giovani che sono dei viziati, dei choosy, e adesso loro rispondono: “No! No!”, non vedi che non siamo viziati e ci adattiamo (ammesso che li assumano)? Adattati e disciplinati con austerità...e pagati 6-10 volte meno di quanto avrebbero ottenuto nella loro professione, se solo questa fosse stata valorizzata nel nostro paese; sicuramente pagati 100-1000 volte meno di quanto guadagnano la Fornero, Monti, Letta, Renzi ecc. Quanto si propaganda in articoli come questo dell'ANSA non è affatto una virtù, è invece l'evidente sintomo di un fallimento per l'intero paese, non solo per l'aspirazione del singolo, ma anche per lo sperpero di capitale intellettuale che potrebbe essere impiegato per risollevare l'economia e la cultura; in altri paesi i governi cercano di impedire (tramite reddito minimo, corsi o altre forme di supporto) che un laureato getti le proprie competenze nel cesso; perché queste competenze servono anche all'economia del paese, al suo sviluppo scientifico, tecnologico, culturale. L'Italia è forse l'unico paese tra quelli sviluppati (ma l'Italia è ancora un paese sviluppato?) dove la laurea è invece considerata un vizio e una perdita di tempo; queste ed altre notizie hanno tutte come sottofondo la stessa visione della realtà: cari laureati siete dei viziati perché avete studiato, dovete rimediare buttando nel cesso tutto ciò che avete imparato tramite soldi e sacrifici; se volete sopravvivere andatevi a cercare una delle professioni che "L'ITALIA VUOLE!", se lo fate siete meritevoli, se non lo fate site dei putridi schifiltosi non degni di respirare e di vivere; il tutto condito con paternali moralistiche della peggior specie catto-fascista; e il tutto presentato in una cornice propagandistica dove l'Italia viene descritta come un paese stracolmo di laureati, laureati che quindi si dovrebbero adattare a fare i lavacessi o i bidelli, mentre invece la realtà dei fatti è che l'Italia ha un livello di laureati da TERZO MONDO, a pari merito della Turchia; un livello che, visto QUELLO CHE VUOLE L'ITALIA, rischia di precipitare ulteriormente..


In articoli come questo dell'ANSA la crisi economica non viene certo rappresentata come un evento voluto e programmato dall'elite finanziaria gesuitica al fine di ridurre i diritti, la cultura e la democrazia di un'intera nazione; la si liquida invece con due o tre parole (“visti i tempi di crisi”), il che fa supporre che sia una catastrofe dovuta al caso, di cui sono inconoscibili le cause; la si presenta come una tempesta imprevista, come un'alluvione che travolge interi territori, a cui si dovrebbe reagire, come avviene con le alluvioni imprevedibili e non volute, facendo rimboccare le maniche con lavori di merda e sottopagati un'intera generazione di laureati che hanno avuto la sfortuna di ottenere il loro titolo in Italia. Ci dicono: bravi, VISTI I TEMPI DI CRISI, che fate i bidelli, i pizzaioli e lavacessi! Il problema è che oramai da tempo "L'ITALIA VUOLE" mestieri da fame con scarsa qualificazione, schiavitù, stipendi da terzo mondo, incanalata come è ormai da parecchi anni nel tragicomico percorso della decrescita infelice e disperata all'interno dell'Europa.
Qui sta il discorso politico: le cause prime della crisi voluta dal Vaticano, dalle banche e dai poteri finanziari non vengono presentate; l'euro, anziché essere visto per quello che è, cioè uno strumento di dominio e controllo creato da un'elite, viene presentato, dai nostri governanti e dai mass media, come una panacea che dovrebbe risolvere tutti i mali; gli obiettivi ultimi, tra i quali vi è sicuramente quello di impedire che i poveri, le classi subalterne, attraverso la loro istruzione, i loro sacrifici e le loro competenze acquisite, possano riscattarsi e insidiare il potere dei ricchi, non vengono spiegati; e così intere generazioni crescono sottomesse nell'ignoranza e nell'inconsapevolezza di ciò che avviene e si adattano, quindi, ad un futuro miserevole e faticoso, disciplinate dai nostri ricchi e opulenti governanti attraverso le ricorrenti misure di austerità.
Quindi, che fare? Una volta che hai capito l'austera disciplina a cui ti devi assoggettare nel tuo paese, è forse meglio per te scappare verso altri lidi? Forse si, forse no, dipende dalle situazioni che ognuno si trova a vivere. Pensiamo però che sia vero anche il pensiero di coloro che dicono che andarsene è un po come tradire il tuo paese e la tua famiglia, è un po come privare il tuo paese di risorse e capacità che potresti mettere al servizio dei tuoi simili che non hanno avuto la fortuna di averle; restare ha senso per portare avanti una lotta politica e culturale (il che non vuol dire, dal nostro punto di vista, creare un partito e gerarchie arriviste), aprire spazi democratici di dibattito e confronto; analizzare e studiare le cause del perché l'Italia si trova in questa situazione, studiare la via più indolore per uscire dal carcere gesuitico dell'euro, ecc., un lavoro duro da fare, per lo più in una situazione, come quella italiana, dove l'ignoranza e il menefreghismo purtroppo sono largamente diffusi; che fare quindi? Se pensi che il nazionalismo sia di una cosa fascista e di destra, che non valga la pena lottare per i diritti di un popolo e di un'insieme di persone che parla la tua stessa lingua, dovresti sapere che questo è quello che ti hanno portato a credere i poteri finanziari e vaticani globalizzati attraverso una propaganda pluridecennale che ha lo scopo di abbattere gli stati nazionali; leggi cosa ha detto David Rockefeller: "Il mondo è pronto per raggiungere un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di una elite intellettuale e di banchieri mondiali è sicuramente preferibile all’autodeterminazione nazionale praticata nei secoli passati ." Confrontalo con ciò che tutti i giorni ci vuole imporre il gesuitico banchiere europeista e mondialista Mario Draghi.


  Per quel che riguarda poi i flussi migratori, questi hanno anche lo scopo di abbattere i legami sociali, la famiglia, le istituzioni locali che ci legano al territorio; spezzare questi legami rende più sole le persone, e quindi più facilmente assoggettabili dal potere globalizzato. Vatti a rileggere la Costituzione e vedrai che la difesa di questo documento non è una cosa di destra brutta e cattiva, ma un impegno che ogni cittadino italiano dovrebbe assumere come obbligo inderogabile. Per finire: ognuno scelga in propria coscienza; ma sono sicuramente degni di somma stima coloro che, potendoselo permettere, decidono di restare, rinunciando magari a lavori migliori all'estero, non per lavare i cessi o fare i bidelli con stipendi da fame qui in Italia, e nemmeno per intraprendere una facile carriera politica in qualche partito farsa, ma per studiare e lavorare duramente, anche in solitudine, al fine di contribuire a svegliare un'intera generazione che ora sembra ancora assoggettata intellettualmente e culturalmente dai governi europeisti cattofascisti che si susseguono del nostro paese.

domenica 31 agosto 2014

Unione Europea e Euro: due tool gesuitici per ridurre diritti e democrazia



E' veramente sorprendente come nell'era della comunicazione di massa le persone non riescano a capire cosa stia realmente avvenendo ed è sorprendente che anche molta dell'informazione alternativa non sia proprio così alternativa nelle sue analisi. E non vi nascondiamo certo che nemmeno noi riusciamo a capire tutti i dettagli di questo quadro criminale molto complesso. Una delle cose che però ci pare di aver capito è che nell'Europa gesuitica l'introduzione dell'euro ha avuto lo scopo di esacerbare i nazionalismi e i razzismi tra le nazioni europee; ed era quello che si voleva fare, dato che si vogliono demonizzare le nazioni per poi distruggerle. In questi anni non abbiamo fatto altro che ascoltare le più svariate accuse tra paesi europei, ad esempio tra Italia e Germania, che si incolpano a vicenda della crisi; oppure stupidi paragoni del tipo: quel paese è più virtuoso di questo, quel paese ce l'ha più “duro” di quest'altro; ma anche questa è la solita farsa gesuitica; mettere tutti contro tutti, in competizione gli uni contro gli altri; in questa guerra crediamo che la Germania abbia goduto di qualche deroga e di qualche vantaggio temporaneo, un fatto che ha contribuito a fomentare il razzismo intra europeo, ma la manna sembra essere finita anche per loro.


 I gesuiti e il Vaticano, naturalmente, hanno combinato questa Unione Europea, compreso il carcere della moneta unica, per fare in modo che i rapporti tra le nazioni si esacerbassero ed arrivassero ad un punto di rottura, per il fine ultimo di distruggere completamente le sovranità nazionali, accusate di non essere all'altezza della globalizzazione, e arrivare quindi all'Ordine Mondiale Gesuitico.



Il tutto portato avanti, naturalmente, senza che i Gesuiti e il Vaticano apparissero come i veri manovratori, ma fossero invece applauditi come i salvatori. Tutti i giorni il Drago Gesuitico ci ripete, infatti, che i “cattivi” stati nazionali devono intraprendere le cosiddette Riforme Strutturali, che non sono altro che Contro Riforme, in cui, alla fine, i popoli di tutte le nazioni non avranno più alcun potere democratico.

Queste riforme non sono altro che tagli al welfare, riduzione dei diritti dei lavoratori, precarietà, salari da fame, riduzione degli spazi democratici, ecc.; il tutto imposto come “L'UNICA VIA DA INTRAPRENDERE, CHE NON BISOGNA DISCUTERE” per arrivare ad una fantomatica prosperità futura; una prosperità che sarà inevitabilmente goduta dalle classi superiori, specialmente dal clero, come è stato nei secoli dei secoli; infatti è arduo per una persona pensante riuscire a comprendere come tagli alla sanità, all'istruzione, ai servizi sociali, alle pensioni, all'edilizia popolare, alle indennità di disoccupazione, al reddito minimo, ai diritti dei lavoratori, alle retribuzioni mensili, agli spazi democratici, conditi con l'incertezza della continuità lavorativa, che non consente nemmeno di costruirsi una famiglia, possano portare ad una prosperità futura le classi meno abbienti e l'intera società; insomma, oramai alle frasi controrivoluzionarie di Draghi possono credere solo i beoti post marxisti della nostra sinistra de La Repubblica che votano PD! D'altro canto chi adesso propone delle ingenue ricette anti austerità senza prendere in considerazione la riappropriazione della sovranità monetaria e l'uscita dal carcere della moneta unica, fa solo il gioco dei banchieri mondiali gesuitici, rimandando la resa dei conti finale, perché è stata proprio l'Europa, con la sua moneta antidemocratica, che ha aggravato la crisi, togliendo la sovranità monetaria ai singoli stati nazionali. Ma l'obbiettivo non era la prosperità dell'Europa, questo lo sappiamo; l'obiettivo è invece il nuovo medioevo di servi e di padroni.
Tutto questo era già stato affermato ad esempio nel noto lavoro della Commissione TrilateraleLa crisi della democrazia”, a firma di Samuel Huntington, un lavoro in cui le élite apparivano seriamente preoccupate a causa dell'eccesso di democrazia e benessere che si andava sviluppando nei cosiddetti paesi democratici, nei quali si andava diffondendo anche un elevato livello di istruzione. Infatti è certamente più facile controllare un paese oramai semifeudale e semianalfabeta come il nostro. Il Vaticano lo sa bene! In un paese semianalfabeta, ad esempio, sarà infatti difficile spiegare alcune ovvietà economiche, perché nessuno avrà studiato economia e nessuno sarà capace di far di conto. Ad esempio, tutte quelle parole difficili per spiegare che l'euro, avendo tolto di mezzo la nostra Lira, ha impedito di fatto che il nostro paese potesse continuare a svalutare la propria moneta nazionale, bloccando il tasso di cambio e creando perciò crisi nei conti esteri, e che tutto ciò ha danneggiato le nostre imprese e favorito (temporaneamente) i beni del nord. Tutti quei paroloni per dire che le manovre di Monti sono state introdotte anche per ripianare il debito estero italiano (da anni l'Italia spende per importazioni più di quello che incassa per esportazioni) e che per far ciò si è dovuto distruggere la domanda interna.



Oppure che esiste un Patto di Bilancio Europeo, firmato il 2 marzo 2012 da 25 dei 27 stati membri dell'Unione europea, in seguito introdotto come principio costituzionale italiano, il quale impone all'Italia un sanguinoso pareggio di bilancio che deprime di fatto l'offerta di servizi sociali e blocca la spesa pubblica necessaria. Oppure che in base al patto di Stabilità a crescita le economie europee sono costrette a rispettare il criminale assunto che non è ammesso un deficit pubblico superiore al 3% del PIL (rapporto deficit/PIL < 3%) pena sanzioni (art.104 del Trattato CE). Oppure il fatto che non esiste più alcuna sovranità monetaria che possa arrivare in soccorso dei singoli stati nazionali in crisi, mentre tutto il potere è concentrato in organismi antidemocratici come la BCE. Tutte queste spiegazioni appaiono molto difficili per i più. E sappiamo che le persone prive di istruzione vivono per lo più di gossip e telenovele, come le avventure sessuali di Berlusconi.


Tutta questa austerità gesuitica ha lo scopo di distruggere la democrazia, i diritti, l'istruzione, il benessere, le peculiarità nazionali, e farci sprofondare in un nuovo medioevo teocratico dove una piccola minoranza di classi dominanti collegate al clero soggiogheranno la stragrande massa di cittadini poveri e ignoranti, i quali, per sopravvivere, non avranno altra scelta che l'elemosina stracciona della Caritas. Il sistema bancario è uno strumento fondamentale di questa guerra in corso, mentre la propaganda giornalistica mainstream copre i principali criminali, sviando la comprensione dei fatti. Le analisi più critiche sulle politiche economiche e monetarie vengono relegate a qualche siparietto che pochi avranno la voglia di seguire ed approfondire. Come, ad esempio, il seguente articolo, dal titolo “Pareggio di bilancio e austerità: l'Italia è in surplus primario dal 1992! che ci fa capire che tutta la questione del “problema” della nostra spesa pubblica non è altro che propaganda delle classi dominanti per ridurre i diritti dei loro sudditi. Infatti leggerete che, se non fosse per gli interessi sul debito che lo stato italiano ha dovuto pagare al sistema mafioso bancario, il nostro bilancio risulterebbe in attivo dal 1992:




Pareggio di bilancio e austerità: l'Italia è in surplus primario dal 1992!

FOREXINFO.IT- MARTEDÌ 26 AGOSTO 2014 10.56 GMT
Durante il Governo “tecnico” di Mario Monti, con legge costituzionale 20 aprile 2012 n°1, è stato introdotto un nuovo testo dell'articolo 81 Cost. con il quale si prevede, a decorrere dall'esercizio finanziario dell'anno 2014, sia applicato il principio del pareggio di bilancio. Questo - senza perderci in ulteriori dettagli e molto sommariamente - non vuol dir altro che lo Stato deve tassare tanto quanto spende (pareggio), oppure di più (surplus); e questa condizione può essere semplicemente descritta come: G – T ≤ 0, oppure G ≤ T (dove ovviamente G è la spesa governativa e T le tasse). Di pari passo con l'introduzione del principio del pareggio di bilancio è stato sempre sostenuto che l'Italia avesse una spesa pubblica troppo elevata che non le permetteva di raggiungere questo obiettivo e, pertanto, la spesa pubblica stessa sarebbe dovuta essere tagliata affinché fosse possibile soddisfare i vincoli stabiliti nel nuovo testo costituzionale dell'art.81. Infine, a questa disciplina di bilancio che prevede uno Stato in pareggio o addirittura in surplus è stata fatta "passare" come austerità! Alcuni sono perfino riusciti a chiamarla austerità espansiva.
Ora, sembra necessario prima fare un minimo di chiarezza sul termine di “spesa pubblica” in ragione del fatto che troppo spesso si è teso volutamente a confondere la spesa d'esercizio, quella per gli interessi sul debito, con quella che è la spesa pubblica propriamente detta. La spesa pubblica propriamente detta è la spesa dello Stato per beni e servizi, ed in tutti i manuali di macroeconomia e non solo, per definizione, è calcolata al netto degli interessi sul debito. Da qui risulta quello che viene chiamato “saldo primario”. Gli interessi sul debito sono spesa di esercizio che con la spesa pubblica rientrano nel bilancio generale dello Stato, ma la spesa per interessi non è spesa pubblica propriamente detta. Quindi, bisognerebbe fare attenzione quando si parla di spesa pubblica, perché dire che “bisogna tagliare la spesa pubblica” può voler significare che sia ulteriormente necessario tagliare beni e servizi (già non proprio brillantissimi e pagati dai cittadini a caro prezzo). Ma questo non è quello che interessa principalmente ora. Detto che la spesa pubblica è calcolata al netto degli interessi sul debito e che l'austerità prevede il pareggio di bilancio cerchiamo di valutare il bilancio dell'Italia a partire dagli anni '90 proprio per quello che riguarda la sola spesa pubblica primaria, non quella generale; cioè la spesa per beni e servizi al netto degli interessi sul debito.
Secondo lo Statistical Data Warehouse della BCE nel 1990 l'Italia ha avuto un deficit primario di -1,353% del PIL. Nel 1991 eravamo già molto vicini al pareggio visto che si registrava un deficit minimo a -0,039% del PIL, mentre nel '92 raggiungevamo il surplus primario a +1,848% del PIL. Dal '92 il surplus primario italiano si “consolida” ed al '97 è a ben 6,514% del PIL. Negli anni seguenti si ha una lieve flessione, ma nel 2000 il saldo primario dell'Italia è ancora al 5,422%, sempre del PIL. Di poi, per tutto il primo decennio del terzo millennio i surplus di bilancio si restringono e nel 2009 abbiamo un deficit a -0.825% - qui i dati sono parzialmente differenti da altre fonti che danno un deficit primario di -0,6% nel 2009 e -0,1% nel 2010 - subito tornato surplus nel 2010 a 0,079% del PIL e che cresce negli anni successivi fin al 2,224% del 2013. Pertanto, vediamo che dal 1990 ad oggi, in 24 anni, l'Italia solo in tre anni ha registrato dei deficit primari, mentre per 21 anni la condizione del pareggio di bilancio è stata soddisfatta, per alcuni anni anche ampiamente si potrebbe dire.
Infine, ancora una volta, prendiamo, proprio per avere un termine di paragone, come riferimento quelle che vengono ritenute le due economie “core” della zona Euro ed il Regno Unito. Vediamo, perciò, il saldo primario dell'Italia in relazione a quello di Germania, Francia e Regno Unito dal 1995 al 2012.


Si può notare come l'Italia dal 1995 al 2005 abbia saldi primari migliori di Francia e Germania e anche per la maggior parte del Regno Unito; dopo il 2005 il saldo primario dell'Italia è più o meno simile - leggermente migliore - a quello della Germania, mentre quelli di Francia e Regno Unito peggiorano notevolmente, soprattutto il secondo. Vi facciamo notare, senza ulteriori considerazioni che qui non interessano, che il Regno Unito, con il peggior saldo primario al 2012, è il paese, tra quelli presi in considerazione nel grafico, che nel 2014 stima la maggior crescita percentuale del PIL.
Quindi per quello che riguarda la spesa pubblica primaria, cioè la spesa dello Stato al netto degli interessi sul debito, che è poi la spesa che si vorrebbe tagliare, l'Italia, come dai dati sopra riportati, è stata ben poche volte in deficit dall'inizio degli anni '90, cioè solo in tre anni (1991-1992-2009); e dal 1995 al 2012, come riportato nel grafico ha avuto per svariati anni un saldo primario migliore rispetto a Francia, Germania e Regno Unito. Pertanto, anche al lordo della variabile “spreco” la spesa pubblica non può aver contribuito a far salire il debito pubblico per un semplice motivo: lo Stato ha sempre preso in tasse più di quanto ha speso, mentre l'aumento del debito pubblico è dovuto, principalmente, al pagamento degli interessi sul debito. Nonostante tutto, quindi, gli sprechi che ci sono, sono tanti e vanno corretti, non hanno fatto salire il debito, perché sono stati pagati dalle tasse degli italiani e non sono “sfociati” in un deficit primario che abbia comportato l'emissione di debito; bensì hanno impedito, tramite il loro mancato taglio o, molto meglio, la marginalità di un impiego di spesa “remunerativo” che il debito stesso scendesse.
Per cui, da ultimo, se consideriamo l'austerità come la necessità di soddisfare il vincolo del pareggio di bilancio, nel quale uno Stato deve spendere meno di quanto “incassa” e consideriamo la sola spesa pubblica propriamente detta e/o spesa primaria, l'Italia sta facendo austerità dal 1992, visto che è dal 1992 che - salvo un deficit minimo nel 2009 - la spesa primaria dello Stato è inferiore a quanto lo stesso tassa; per cui è da svariati anni antecedenti a quello in cui si è voluto introdurre il pareggio di bilancio in Costituzione, 2012, che lo stesso pareggio di bilancio è già una realtà: circa una ventina! E come mai si è voluto introdurre solo nel 2012 e proprio in Costituzione?! Era necessario visto che comunque erano diversi anni che veniva già rispettato?! E, ancora, se facciamo il confronto con quelli che per anni sono stati additati come Stati virtuosi da prendere come riferimento, notiamo che non è proprio così; e che se valutiamo, ancora, la spesa pubblica propriamente detta, l'Italia è il paese che ha avuto per molto tempo, dagli anni '90, il miglior saldo primario, cioè quella che ha fatto più “austerità”, perché è quella che ha speso meno per beni e servizi ai suoi cittadini in relazione alle proprie entrate derivanti dalle tasse agli stessi. Nonostante questo, ancora una volta, il problema diventa la spesa pubblica; ed ancora una volta la soluzione non è che il taglio di quello che viene falsamente ritenuto il problema. Dopo un periodo così lungo in cui lo Stato ha avuto dei surplus primari, nel corso della crisi che rischia di venir probabilmente ricordata come la Grande Recessione, forse, invece che imporsi ulteriori limiti di bilancio, sarebbe stato meglio cominciare a invertire la tendenza e spendere - anche al netto degli interessi - più di quanto si tassasse, per aiutare un settore privato in difficoltà immettendo ricchezza piuttosto che continuare a toglierne. Invece si è fatto il contrario, si sono imposti ulteriori vincoli di bilancio che hanno costretto lo Stato ad aumentare la pressione fiscale e diminuire la spesa in modo da drenare ulteriormente risorse da un settore privato in profonda crisi e dal quale lo Stato già da anni “toglieva più di quanto metteva”.
In conclusione, questo continuo ed inopinato richiamo alla spesa pubblica, che ne fa un “calderone” unico con la spesa per interessi, al fine di poter sostenere che “lo Stato spende troppo” ed è necessario “tagliare”, sembra il solito “gioco delle tre carte”, fatto per distrarre il cittadino, il lettore, ma soprattutto l'elettore meno attento, per farlo prescindere dalla valutazione dei numeri quali sono da intendersi realmente e portarlo fuori da una visione d'insieme della situazione economica, con il solo fine di confonderlo; ed utilizza, a questo fine, definizioni, discorsi e “parametri economici” di comodo, presi singolarmente invece che con una visione d'insieme, per individuare sia i problemi che la soluzioni; che sono poi le sempre gli stessi problemi (lo Stato ”cicala”) e le stesse soluzioni (tagliare, tagliare, tagliare … la spesa pubblica) indipendentemente dalla collocazione politica dei governi che si succedono e dal lignaggio culturale di appartenenza dei loro tecnici, economisti o politici.
Articolo pubblicato su Forexinfo.it da Luca Pezzotta


martedì 19 agosto 2014

Un contributo di Avles: la lotta del Cattolicesimo Romano contro i veri cristiani


Recentemente ho chiesto ad Avles Beluskes aka Edoardo Roncelli se aveva voglia di scrivere qualcosa in italiano per il mio blog; egli mi ha così postato questo lungo articolo molto interessante, dove si spiega come è avvenuta, per mano del Cattolicesimo pagano, la persecuzione e lo sterminio dei veri cristiani credenti nella Bibbia nella nostra penisola e in tutta Europa; in questo caso si parla approfonditamente dei Valdesi, ma anche si accenna al Culto Ambrogiano milanese. Avles documenta inoltre come questa lotta contro i veri cristiani sia stata portata avanti anche con altri tool vaticano-gesuitici, come il marxismo e il fascismo. Naturalmente questa lotta continua ancora oggi con l'edificazione dell'Europa Vaticano-Gesuitica [anche qui e qui]. Vi consiglio di leggerlo e meditarlo con pazienza, come vi consiglio di visitare il blog http://control-avles-blogs.blogspot.it/ che Avles ha aperto da circa un anno e che è ricco di materiali di approfondimento [in inglese].

Ciao, lo strapotere Vaticano è già considerato nel libro della Rivelazione di S. Giovanni il Divino, cercare di combatterlo sul suo piano è proprio quello che lui cerca, perché egli è la creazione di Satana. Per questo il Cattolicesimo ha dovuto sterminare il Cristianesimo dalla penisola con una crociata di 1700 anni.

SU "COME ABBIAMO COSTRUITO GLI EUROPEI" "Dice Christian [studioso contemporaneo]: E' possibile che alcuni dei Valdesi Italiani (così chiamati) avessero praticato il battesimo agli infanti.... [Ma] non c'è un'evidenza che i Valdesi FRANCESI, o i Valdesi propriamente detti, praticassero il battesimo agli infanti.....I Valdesi che si sparpagliarono nei Paesi Bassi possono venir chiamati il [dei Paesi Bassi] loro sale, talmente corrette le loro vedute e devote le loro vite. I Mennoniti uscirono da essi. E' indubitabile che essi rigettavano il battesimo infantile, ed usavano soltanto il battesimo degli adulti". [trad. da "The Waldenses were independent Baptists", di  Thomas Williamson].------> "Nel sistema pagano soltanto il prete poteva pretendere di anticipare le operazioni [di giudizio basate sulle] scale di Anubis; e nel confessionale, di tanto in tanto, aveva luogo una recitazione teatrale che anticipava il terrore del giudizio davanti al tribunale di Osiris. Lì [nel contesto di questo mondo] il prete sedeva a giudicare le buone azioni e le cattive azioni dei penitenti e, per quanto il suo potere ed influenza fossero basati sul principio del terrore che soggiogava, esso si premurava affinché la scala volgesse nella direzione sbagliata, in modo che egli [il penitente] potesse essere sottomesso al suo volere secondo il quale [il penitente] avrebbe dovuto produrre il dovuto ammontare di buone azioni da gettare nella scala opposta. Siccome egli era il sommo giudice di ciò che queste opere avrebbero dovuto essere, era suo interesse presentarsi in modo da ingrandire la sua immagine, la grandezza del suo ordine; e, nel valutare meriti e demeriti, che ci fosse sempre stato nel bilancio un abbondante margine da dover aggiustare, non solo dall'uomo stesso [dal penitente], ma dai suoi eredi. Se ad ogni uomo fosse stato permesso di credersi in anticipo assolutamente sicuro della [propria] gloria [della salvazione], i preti avrebbero potuto essere in pericolo di venir derubati delle loro incombenze per quanto riguarda il dopo-morte, un problema da cui guardarsi in ogni modo. Ecco, i preti di Roma hanno copiato, sotto ogni punto di vista, i preti di Anubis, il dio delle scale. Nel confessionale, quando [i preti] avessero avuto un obiettivo da raggiungere, facevano debitamente pesare le trasgressioni; e quando avevano un uomo influente o di potere, o facoltoso, essi non gli davano la ben che minima speranza [di assoluzione] a meno di [in cambio di] somme di danaro, o della fondazione di abbazie, o di altre opere le quali avrebbero placato il suo cuore, e sarebbero state contate sull'altra scala. Nella famosa lettera di Pere La Chaise, ilconfessore di Luigi XIV di FRANCIA, nel dare un resoconto dei metodi che egli adottò per ottenere il consenso del licenzioso monarca ai fini della revoca dell'Editto di Nantes, con il quale tali crudeltà sarebbero state inflitte sui suoi innocenti sudditi Ugonotti [calvinisti francesi], noi vediamo che la paura delle scale di s. Michele operò nel raggiungere i risultati desiderati: "Molte volte," dice il compiacente GESUITA, riferendosi ad un atroce peccato di cui il re fu colpevole, "molte volte da quando lo ebbi a confessione, HO EVOCATO L'INFERNO ALLE SUE ORECCHIE, E LO FECI SINGHIOZZARE, IMPAURIRE E TREMARE, prima di dargli l'assoluzione. Da ciò io vidi che egli aveva ancora una inclinazione verso di me, ed era consenziente a mettersi sotto il mio governo; così io lo misi di fronte alla bassezza della sua azione dicendogli l'intera storia, e di come fosse malvagia, e di come egli non potesse venir perdonato fino a che egli avesse compiuto alcune buone azioni per BILANCIARE [tale azione malvagia], ed espiare il crimine. A proposito di ciò egli mi chiese cosa avrebbe dovuto fare. Io gli dissi che EGLI AVREBBE DOVUTO ESTIRPARE TUTTI GLI ERETICI DAL SUO REGNO". Questa era la "buona azione" che avrebbe dovuto essere assegnata sulla scala di San Michele l'Arcangelo, per "BILANCIARE" il suo crimine. Il re, malvagio com'era, malgrado il suo volere, acconsentì; la "buona azione" fu gettata [sulla scala delle "buone azioni"], gli "eretici" furono estirpati; ed il re fu assolto. 
Ma l'assoluzione non fu ancora tale, e c'era ancora molto da dover gettare affinché le scale potessero aggiustarsi. In questo modo il papismo ed il paganesimo ugualmente "FANNO MERCANZIA DELLE ANIME DEGLI UOMINI" (Rivelazione 18:13) Così uno con le scale di Anubis, l'altro con le scale di San Michele, rispondono esattamente alla Divina descrizione di Efrem nella sua apostasia: "EFREM E' UN MERCANTE, LE BILANCE DELL'INGANNO SONO NELLE SUE MANI" (Hosea 12:7). Anubis degli Egizi era precisamente lo stesso Mercurio dei Greci – il "dio dei ladri". San Michele, nelle mani di Roma, risponde esattamente allo stesso carattere. Per mezzo suo e delle sue scale, e della sua dottrina del merito umano, essi hanno fatto di ciò che chiamano la casa di Dio nient'altro che un "covo di ladri". Derubare gli uomini del loro denaro è male, ma infinitamente peggio è ingannare loro a proposito delle loro anime.". [tratto da "The Two Babylons" o "Le Due Babilonie" di Alexander Hislop (1807 - 1865), ministro di culto della Libera Chiesa di Scozia]


"COME ABBIAMO COSTRUITO GLI EUROPEI" - II
"Una delle più severe persecuzioni mai scatenate contro i Valdesi ebbe atto nel 1655. Siamo specificatamente informati del fatto che i Valdesi soffrirono e morirono per il loro rifiuto di partecipare alla messa [cattolica]. Il cronaco contemporaneo Morland da' questo acconto:.... 'Jacopo di Rone, un maestro di scuola, denudato, dopo che le sue unghie furono sradicate, e fattigli migliaia di buchi nella mano con la punta di una spada, fu trascinato con una corda che fu legata alla sua vita, attraverso il borgo di Lucerna, e ad ogni passo, mentre procedeva nella marcia, uno dei soldati gli tagliava un pezzo di carne con la scimitarra, mentre un altro dall'altro lato gli dava un gran colpo con un bastone, gridando le seguenti parole.... "Bene! Che dicesti tu Barbet, vuoi ancora non andare a Messa?" Al quale la povera creatura con incredibile costanza, tanto quanto fu capace di parlare, rispose,... "Piuttosto la morte, che la Messa! Finitemi velocemente per l'amore di Dio!" '. Questo coraggioso credente fu finalmente decapitato dai suoi persecutori. Un'altra vittima di questa persecuzione fu Daniel Rambaut di Villaro, che fu lentamente torturato a morte per più giorni, dopo aver dato ai preti questo acconto delle sue convinzioni concernenti la messa: ...'Credere nella reale presenza nell'ostia è blasfemia ed idolatria. Vaneggiare le parole di consacrazione credendo che esse attuino ciò che i papisti chiamano transubstantazione, convertendo l'ostia ed il vino nello stesso corpo e sangue di Cristo, che fu crocefisso, e che dopo ascese nel cielo, è una grossa assurdità perfino agli occhi di un bambino, e nulla all'infuori della più cieca superstizione potrebbe dare ai Cattolici Romani confidenza in tale ridicola cosa.' Più tardi, nel 1685 leggiamo di una congregazione di Valdesi AUSTRIACI che rifiutavano la messa, affermando di essere pervenuti a quella convinzione AL DI FUORI DI QUALUNQUE INFLUENZA DELLA RIFORMA PROTESTANTE: 'Nell'aprile 1685, circa 500 persone, di differente sesso ed età, passarono attraverso Coire (cittadina Svizzera), dando un acconto di se stessi [in fuga dalla persecuzione Cattolica?]. Essi erano abitanti delle VALLI DEL TIROLO, appartenendo per lo più all'arcivescovado di Salisburgo – [essi erano] quanto restava degli ANTICHI VALDESI. Essi non veneravano né immagini né santi; ed essi credevano che il sacramento (della Cena del Signore) fosse soltanto una commemorazione della morte di Cristo; ed in molti altri punti essi ebbero la loro opinione differente da quella della chiesa di Roma. ESSI NON SAPEVANO NIENTE DEI LUTERANI E DEI CALVINISTI. C'è abbondante evidenza che i Valdesi, come i più tardi Luterani, riconoscessero soltanto due dei sette sacramenti romano cattolici, il battesimo e la Cena del Signore, mentre erano in disaccordo con i cattolici per quanto riguarda il significato di quei due. Gli altri sacramenti erano totalmente rifiutati. I Valdesi Boemi erano accusati dai loro nemici di tenere in disprezzo i sacramenti cattolici, credendo:....'Che la conferma celebrata con l'unzione e l'estrema unzione, non appartiene a nessun sacramento della chiesa di Cristo – Che la confessione auricolare è un pezzo di [foppery- il senso nel testo è: una frode] – Che ognuno dovrebbe, nel suo ritiro, confessare i sui peccati a Dio....'. La confessione di Angrogne nel 1532 fece questa dichiarazione concernente la confessione auricolare:...'La confessione auricolare non è comandata da Dio, ed è stato determinato in accordo con le Sacre Scritture, che la vera confessione è confessare a Dio soltanto...'. Un articolo di fede del 12esimo secolo da una confessione Valdese rende chiara la loro attitudine verso i "sette sacramenti" Cattolici:.....'Articolo 13: Noi non riconosciamo nessun altro sacramento all'infuori del Battesimo e della Cena del Signore' [in realtà nemmeno considerati 'sacramenti' ma mere ordinanze]. Il rifiuto Valdese dell'esistenza del purgatorio è ben documentato. Morland ha preservato per noi un trattato dal 12esimo secolo intitolato "Del Sogno del Purgatorio", nel quale il purgatorio viene ridicolizzato come uno strumento per alimentare l'avarizia dei preti, che fu per primo promulgato dai papi cinque secoli dopo il tempo di Cristo. L'autore antico dice: ....'Non c'è nessun posto nelle Sacre Scritture che lo [di]mostrano, nemmeno non c'è una singola evidenza prodotta che mai un'anima entrò in un simile Purgatorio, e ne venne fuori. Perciò è una cosa da non darle credito, nemmeno da crederle.... Da ciò segue che per questo [il purgatorio] non c'è una prova espressa nella Legge di Dio, che è inutile credere come ad un articolo di fede in questo Purgatorio e a che ci dovrebbe essere qualcosa di simile dopo questa vita'. L'inquisitore francese Bernard Gui, scrivendo nel 1320, descrive i Valdesi come aventi rifiutato tutte le tradizioni della chiesa Romano Cattolica:....'Gui enfatizzò che i Valdesi rifiutarono l'autorità ecclesiale, specialmente dalla convinzione che essi non erano soggetti al papa o ai suoi decreti di scomunica.... Tutti i giorni di festa Cattolici, le solennità e le preghiere erano rifiutati in quanto frutto dell'uomo e non basati sul Nuovo Testamento..... I Valdesi negavano il purgatorio, per il quale essi non trovavano le basi nel Nuovo Testamento. Ciò li condusse a rifiutare il credo Cattolico sulle preghiere ed elemosine per i morti. 
Per i Valdesi, se i morti erano nell'Inferno, essi erano senza speranza e, se in Cielo, essi non avevano bisogno di preghiere. Un simile ragionamento li condusse a rifiutare anche le preghiere alle immagini dei santi'. Un inquisitore Romano, nel parlare di loro, ci dice: ...'Essi....affermano che le tradizioni della Chiesa non sono meglio di quelle dei Farisei, insistendo, in più, sul fatto che un grande sforzo è compiuto nell'osservanza di tradizioni umane piuttosto che nel mantenere la Legge di Dio.'. Seisselius, Arcivescovo di Torino, afferma:....'Essi accolgono soltanto ciò che sta scritto nel Vecchio e Nuovo Testamento'. Per ultimo Reinerius dice che '...qualunque cosa sia predicata e che non sia sostanziata dal testo della Bibbia, è ritenuta da loro una favola'; per la cui ragione Papa Pio II si lamenta a proposito del loro considerare '...il battesimo [che] dovrebbe essere amministrato senza l'addizione del sacro olio', un fatto che spiega l'ulteriore rimarcare di Reinerius: '...Essi convengono che nessuna delle ordinanze della Chiesa che sono state introdotte dall'ascensione di Cristo dovrebbero venir osservate, in quanto di nessun valore'. E' ammesso, ovviamente, che nei secoli c'erano numerosi Valdesi che talvolta si sottomettevano alle varie false ordinanze della Chiesa Cattolica, inclusa la messa, in modo da evitare la persecuzione. Durante i tempi della Riforma ciò è diventato pratica comune che fu liberamente confessata dai leader Valdesi. 
Reinerius e molti altri riferiscono a tale pratica, ma in tutti i suoi riferimenti risulta chiaro che coloro i quali si compromettevano in questa maniera lo facevano con riserva mentale, non credendo nell'efficacia dei sacramenti Romani, e spesso borbottando sotto tono maledizioni contro la Chiesa Romana nel mentre si presentavano alle messe. Prima di condannare questi ipocriti in maniera troppo severa, ci dovremo domandare se saremo capaci di patire la morte attraverso la lenta tortura, come molti Valdesi fecero, per aver rifiutato di presenziare alla messa". [trad. da "I Valdesi erano Battisti indipendenti" (titolo originale: "The Waldenses were independent Baptists"), di Thomas Williamson] -------> Commento: Sicuramente alcuni particolari relativi al supplizio inflitto a Jacopo di Rone saranno stati esagerati per smuovere l'opinione pubblica Inglese, ma è indubitabile che il "cristianesimo" imperialista sin dalla fondazione della chiesa di Costantino si è imposto in tutta Europa non solo l'Arco Alpino, con massacri e torture. Dovrebbe far riflettere il fatto che mentre la storia delle persecuzioni religiose di casa nostra è coperta dal silenzio e da un frastuono di ideologie e proteste, oltre oceano i "cristiani fondamentalisti" ovvero i Battisti non compromessi con l'ecumenismo mondiale di oggi, si considerano un ramo di un albero con le radici nell'Israele biblico ed il tronco nelle Vallate Alpine del Medio Evo, proprio qua da noi.



CAPITOLO SETTE – LA POSIZIONE VALDESE SULLA SEPARAZIONE. "E' facile dichiarare che i Valdesi medievali erano Battisti, ma quanto ci dice questo [questa comparazione]? Ci sono molte chiese e denominazioni Battiste con le quali i Battisti Indipendenti non hanno affiliazione né comunanza ecclesiale, perché esse sono ecumeniche, e sono incluse nell'affiliazione del Concilio Mondiale delle Chiese [World Council of Churhces - WCC] e del Concilo Nazionale delle Chiese [National Council of Churhces]. Negli Stati Uniti oggi, la American Baptist Churches USA, la National Baptist Convention of America, la National Baptist Convention USA, e la Progressive National Baptist Convention sono elencate come denominazioni-membri del Concilio Mondiale delle Chiese dal giugno 1988, una affiliazione che tristemente va a detrimento della testimonianza Battista di queste chiese. In aggiunta a ciò, la stessa lista di chiese membre del WCC include la Chiesa Evangelica Valdese con 22.000 aderenti, ciò che rimane nel 20esimo secolo dei Valdesi in Italia........ I Valdesi di oggi sono chiaramente ecumenici nello spirito. E' ammesso che da tempo essi non sono più Battisti. La loro ortodossia dottrinale cominciò a impallidire nel tardo 18esimo secolo, cosa di cui Monastier si lamentò: ....'La fine del diciottesimo secolo fu marchiata nelle valli da un declino del tono della religione, che fu indebolita dappertutto. Colà, come in altri paesi, si può far notare come lo spirito Cristiano, così vigoroso e fruttuoso nel sedicesimo e diciassettesimo secolo, alimentò se stesso in misura vieppiù minore dalla fonte del Vangelo. Un orgoglioso razionalismo, la mera opinione umana, cominciò a pretendere un posto nella teologia, cercando di rendere la religione più accessibile e meno repulsiva nelle sue dottrine, appannandola e sfigurandola. I candidati per il sacro ministero acquisirono, in gran parte in accademie straniere dove essi si preparavano per esserne investiti, nient'altro che una fredda ortodossia, o i germi della negligenza Sociniana. I primi anni del diciannovesimo secolo non portarono migliorie. La virtù fu spesso predicata ed esaltata più dell'opera di Cristo, o della fede, o dell'amore del Signore. Il titolo di filosofo fu collocato almeno a livello con quello di Cristiano. Il rappresentante Valdese di questa tendenza fu M. Mondon, il più tardi pastore di San Giovanni, un uomo di talento, ben versato in letteratura classica e storia profana, di singolare, capriccioso carattere, ma coraggioso e pieno di franchezza. Il suo credo fu attaccato, e su buone basi, perché era ben lungi dall'essere evangelico'. Così vediamo che il movimento Valdese nei recenti secoli ha sofferto delle indebolenti influenze del razionalismo e dell'ecumenismo, entrambi elementi con i quali i moderni Battisti indipendenti non si identificherebbero. Però vi è abbondante evidenza che i Valdesi medievali erano di uno spirito molto differente, non soltanto evangelico, ma anche partecipe della stessa audace posizione separatista quale è assunta dai Battisti indipendenti oggi. 
Dall'inizio i Valdesi erano separatisti, separandosi dalla Chiesa Romano Cattolica, sia fisicamente che ecclesiasticamente, prendendo rifugio nelle remote valli delle Alpi. Molti storici credono che i Valdesi sono i diretti discendenti spirituali dei Novaziani, che si separarono dalla Chiesa di Roma nel 251 A.D. E mantennero una posizione separata nonostante le persecuzioni, fuggendo nelle Alpi piuttosto che compromettere la loro fede. Dice Ray:....'I Novaziani furono perseguitati da Costantino, il primo ad unire chiesa e stato; e un [certo] numero di questi Novaziani perseguitati abbandonarono l'Italia per le valli del Piemonte in differenti epoche da circa l'anno 325 all'anno 425; e questi Novaziani che vagavano negli anni seguenti furono chiamati Valdesi. Appare che i Valdesi originarono dai Novaziani che fuggivano dall'Italia nel quarto secolo'..... Orchard concorda, e afferma che il ritiro dei Novaziani nelle montagne fu reso più veloce dal passaggio di un editto imperiale contro il ri-battezzo nel 413: .....'L'editto fu probabilmente ottenuto dall'influenza di Agostino, che non poteva sopportare nessun rivale, ne chiunque mettesse in questione la virtù dei suoi riti, o la santità della sua fratellanza, o la consistenza del credo Cattolico; ma essendo questi punti messi in questione dai Novazionisti e Donatisti, due potenti ed estesi corpi dissidenti in Italia ed Africa, su di loro si fece sentire la sua [di Agostino] influenza. Questi modi combinati di oppressione condussero i fedeli ad abbandonare le città, e cercare rifugio nel paese [campagna], in particolare nelle valli del Piemonte, gli abitanti del quale iniziarono ad essere chiamati Valdesi.'. Morland descrive il separazionismo dei primi Valdesi in questi termini:....'Ma quando la Chiesa di Roma cominciò a corrompersi, e non sarebbe stata persuasa con nessun mezzo a trattenere la purezza della dottrina apostolica e del culto divino, allora quelli delle valli cominciarono a separarsi da essi [dagli aderenti alla Chiesa di Roma], e a "...venir fuori da loro, in modo tale da non essere partecipi dei loro peccati, ne di ricevere le loro pestilenze'....Gli antichi documenti preservati da Morland mostrano che I VALDESI MEDIEVALI CONSERVAVANO PIENAMENTE LO SPIRITO DEL SEPARATISMO SENZA COMPROMESSI CHE CARATTERIZZAVA IL MOVIMENTO DEI NOVAZIANI SIN DALL'INIZIO. L'antico catechismo dei Valdesi cita Matteo 16:6; Salmi 26:5; Numeri 16:26; 2 Corinzi 6:14-18; 2 Tessalonici 3:6; e Rivelazione ["Apocalisse"] 18:4 in difesa della posizione della separazione; e include questa domanda e risposta:....Ministro: Con quali segni sono riconosciute le persone che non sono nella Chiesa? Risposta: Con [i segni del] pubblico peccato, e della fede erronea. In quanto noi dovremmo rifuggire da tali persone, a meno di non essere contaminati da loro". L'autore del trattato del 12esimo secolo sull'Anticristo difende di gran lunga la dottrina della separazione ecclesiastica, citando da Matteo 10:35-37; Matteo 7:15; Matteo 24:4-5;, 23; Rivelazione 18:4; 2 Corinzi 6:14-18; Efesiani 5:7-8; 2 Tessalonici 6:6-7; Efesiani 5:11; e 2 Timoteo 3:1-5, ed inoltre fa il seguente appello: ....'Da ciò che è stato qua detto appare chiaramente qual'è la malvagità dell'Anticristo, e la sua perseveranza. Anche il nostro signore ci comanda di separarci da lui, ed unirci alla santa città di Gerusalemme: perciò conoscendo tali cose, avendole il Signore rivelate a noi attraverso i Suoi servi, e credendo in queste rivelazioni in accordo con le Sacre Scritture, ed essendo ammoniti dai comandamenti del Signore, noi ci separiamo interiormente ed esteriormente dall'Anticristo..... Da ciò risultano le cause della nostra SEPARAZIONE. Sia conosciuto a chiunque in generale e in particolare, che la causa della nostra separazione è questa, e cioè per l'amore della verità della fede, e per ragione della nostra interiore conoscenza dell'unico vero Dio, e per l'unità della essenza divina in tre Persone'. Nel precedente capitolo abbiamo visto con quanto vigore i Valdesi rifiutarono le tradizioni ed i sacramenti dei Cattolici, specialmente le loro messe. E' chiaro che essi non accettavano la pretesa della Chiesa Cattolico Romana di essere una comunione Cristiana. Nevin dice: ....'Per quanto [riguardava] la loro dottrina e la loro pratica, essi consideravano la comunità Cattolica NON essere una chiesa di Cristo. Essi perciò ribattezzavano [quelli] che sono stati battezzati in quella comunità. 
PER QUESTA RAGIONE ERANO CHIAMATI ANABATTISTI'. Come teniamo a mente questi fatti, e consideriamo le parole degli antichi autori Valdesi sulla separazione, [AUTORI] CHE SOMIGLIANO MOLTO AI PREDICATORI BATTISTI INDIPENDENTI DEL 20ESIMO SECOLO, e citiamo gli stessi versi che sono stati spesso citati dai Battisti indipendenti in difesa della separazione, allora appare ovvio che I VALDESI ERANO IN ORIGINE SEPARAZIONISTI NELLO STESSO MODO COME GLI INDIPENDENTISTI BATTISTI DEI GIORNI D'OGGI. Ray dice: ....'I Valdesi riconsideravano tutti i culti Cattolici come la più grossa idolatria; essi perciò non andavano in comunione con l'Anticristo. Essi audacemente affermavano che la Chiesa di Roma è la "prostituta di Babilonia", e qualsiasi comunione con essa era considerata fornicazione spirituale – un indicibile abominio'....(....).... D'Aubigne ci dice di più dello spirito dei Valdesi FRANCESI nel 1484, i quali immediatamente dopo pagarono un alto prezzo con la persecuzione a causa della loro posizione separatista: ....'A quei tempi su tutti i pendii delle Dauphinese Alpes, e lungo le rive della Durance, c'era una nuova crescita della concezione Valdese..... Audaci uomini chiamarono la Chiesa di Roma la chiesa dei diavoli, e consideravano che era più vantaggioso pregare nelle stalle che in una chiesa'. [trad. da "I Valdesi erano Battisti indipendenti" (titolo originale: "The Waldenses were independent Baptists"), di Thomas Williamson] -------> Commento: Di nuovo appare quel filo rosso nascosto, tra coloro che ancora oggi negli USA resistono dell'ecumenismo gesuita, e si professano Battisti indipendenti, applicando il battesimo adulto per immersione e rifiutando come blasfema la "rigenerazione" battesimale, come esattamente duemila anni fa in Israele, ed i Cristiani delle Vallate Alpine di mille e cinquecento anni fa (ma non solo), i quali, nonostante indicibili persecuzioni della Inquisizione Romana perseveravano a trasmettere la Parola di Dio alle future generazioni, fino a che – secondo i Suoi imperscrutabili schemi – potesse raggiungere il Nuovo Mondo. Non è questa resistenza millenaria, ad essere il vero Esercito Partigiano di Gesù Cristo nostro Signore nelle montagne in lotta contro l'Anticristo, un tangibile segno di Dio? Armato con la Bibbia e con una fede più resistente della roccia delle montagne per cui accettavano il precetto "e tu non ucciderai" sopportando supplizi inconcepibili. Veramente sinistro è vedere come questa persecuzione millenaria dell'Impero Romano continua oggi quando ad esempio leggi tale Maurizio Blondet, ex giornalista dell'Avvenire, che in suo articolo, neanche tanto indirettamente, plaude al lavoro di estirpazione della Parola di Dio eseguito da Stalin nei paesi Baltici immediatamente dopo la IIGM.

COME ABBIAMO COSTRUITO GLI ITALIANI: CALABRIA "(...)...Il prof. Whitsitt afferma che senza dubbio i Valdesi alterarono le loro convinzioni sotto l'influenza di Lutero. Moser afferma che i Valdesi iniziarono ad accettare le immersioni aliene [leggi "rigenerazione battesimale" e pedo-battesimo] in questo periodo: ..."Nella guerra di Lutero contro la chiesa, egli cercò il supporto dei Valdesi in modo da sconfiggere Roma. Ciò toccò una corda sensibile ai Valdesi che furono perseguitati a lungo durante molti secoli, e mostrarono un certo interesse. Comunque, Lutero richiese un cambio nella loro pratica del ri-battezzo altrimenti egli [Lutero] avrebbe dovuto richiedere di venir ri-battezzato.... C'erano pochi Anabattisti o Valdesi che andarono sulle posizioni di Lutero ed abbandonarono il ri-battezzo proprio come vediamo fare oggi alcuni Battisti, e [in questo caso] la storia scritta dei giorni nostri si ricorderà soltanto di quei defezionisti ed ometterà la maggioranza [dei Battisti] che rifiuta di compromettersi ed unirsi nell'attività ecumenica". Sebbene sia verosimile che molti Valdesi abbiano conservato le loro convinzioni Battiste dopo il 1532, aiutando a dare forza al movimento degli Anabattisti, il principale corpo dei Valdesi in Savoia non può essere considerato Battista dopo quell'anno. La loro identificazione con i Riformatori di quel tempo è ben conosciuta. Latourette dice dei Valdesi: ....."Nel 16esimo secolo la maggioranza dei rimasti fu trascinata nella famiglia delle Chiese Riformate." L'unione dei Valdesi di CALABRIA con i Calvinisti nel 1560 fu la causa delle severe persecuzioni scatenate sui Valdesi in quell'anno dal papa, con il risultato che essi furono COMPLETAMENTE STERMINATI IN CALABRIA: "...Nell'anno 1560, i Valdesi in CALABRIA formarono un collegamento con la chiesa di Calvino a Ginevra. La conseguenza di ciò fu che diversi pastori o maestri pubblici vennero dai pressi di Ginevra a vivere con le loro chiese in CALABRIA. Sembra probabile che questa circostanza abbia contribuito a far rivivere la professione [di fede ed ecclesiale Valdese] in CALABRIA, o almeno portò i Valdesi di più nelle notizie pubbliche rispetto a quanto fossero presenti [nell'informazione generale]; e diffuse allarme tra i Cattolici....". 
Nel frattempo i Valdesi della Savoia furono più intensamente trascinati all'interno della fratellanza della Riforma come risultato della disastrosa epidemia di peste del 1630-1631 che spazzò via il clero Valdese: ..."La peste si calmò durante l'inverno, ma in primavera (1631) si riaccese con rinnovata forza. Dei tre pastori sopravvissuti, uno morì, lasciandone soltanto due.... Dei pastori Valdesi soltanto due ora rimasero; e ministri si affrettarono da Ginevra ed altri luoghi per recarsi nelle valli, per scongiurare che l'ultimo lume non si spegnesse.... Un'altro cambio introdotto in questi tempi fu l'assimilazione [modificazione] del ruolo rituale a quello di Ginevra". Per quanto riguarda la peste, Mosheim dice: Essi ritennero non poche delle loro antiche regole di disciplina, almeno fino al 1630. Ma in quest'anno, la gran parte dei Valdesi (in Piemonte) fu spazzata via dalla pestilenza; ed i nuovi maestri, ottenuti dalla Francia, (da Ginevra), regolavano i loro affari in accordo con gli schemi della Chiesa Riformata Presbiteriana Francese.". Così, i Valdesi dei tempi moderni dovrebbero essere considerati come Presbiteriani, non Battisti, e in accordo con Latourette alcuni dei Valdesi si sono identificati con i Presbiteriani dopo l'emigrazione negli Stati Uniti: ..."Qua e la, iniziando circa nel 1892, Valdesi, del Protestantesimo indigeno Italiano, cominciarono ad arrivare in piccoli gruppi. Gruppi di essi si insediarono in diversi stati ed in almeno un caso formarono una congregazione che si affiliò ai Presbiteriani". Le radici delle distinte pratiche dottrinali dei Presbiteriani tra i Valdesi, specialmente il battesimo degli infanti, non possono venir datate indietro prima del 16esimo secolo, quando i Valdesi della Savoia, una abbattuta, depressa, assediata e decimata banda che si è già pesantemente compromessa con i Cattolici per evitare la completa estinzione, sentirono che essi non avevano altra scelta all'infuori di afferrare le linea di vita e la comunanza e l'assistenza offerta ad essi dai nuovi Riformatori. Non dovrebbe essere una sorpresa per noi [il fatto] che i Valdesi accettarono gli insegnamenti Pedo-battisti dei Riformatori a questo tempo, in quanto molti di essi portarono i loro infanti dai preti Cattolici per il battesimo, facendo ciò con rancore [risentimento ma] in modo da evitare la possibile persecuzione e la morte. 
Fortunatamente, in questa epoca molti Valdesi residenti nelle altre regioni d'Europa passarono la fiaccola delle convinzioni Battiste ai loro SUCCESSORI, che divennero noti come ANABATTISTI, MENONNITI o semplicemente BATTISTI.". -----------> Commento: un ragionamento sulla formazione del popolo Italiano quale frutto principalmente di un GENOCIDIO RELIGIOSO di almeno 17 secoli, e la presente coda nei nostri tempi contemporanei, sarebbe troppo lungo per concentrarlo in un breve commento. Lascio soltanto riflettere sulle vere origini religiose, anzi, di guerra di sterminio religioso, nelle quali odierne organizzazioni criminali come (ma non solo) la 'Ndrangheta potrebbero avere, almeno in parte, le loro radici storiche. Quando l'Inquisizione Cattolica e la Contro Riforma dei Gesuiti estirpava la cosiddetta "infezione" protestante, al suo posto impiantava comunità dei suoi fidi servitori che agivano da veri e propri "Fort Apache" di un sanguinoso cesarismo papista, sentinelle poste a controllo delle valli degli "eretici" (leggi: Cristiani) sopravvissuti. 'Ndrangheta, ma forse anche Stidda, Camorra, Cosa Nostra, ecc., quanto la loro origine può risiedere anche da questa millenaria guerra di sterminio religioso?


PER SOLA FEDE -----> "(....)... Nel nostro secolo le Chiese di Cristo e le Chiese Cristiane battezzano per immersione e non battezzano gli infanti, ma ancora esse non possono venir accettate come Battiste, perché esse insistono su una forma di rigenerazione battesimale, che insegna che una persona non è salvata fino a quando egli o ella non è stata battezzata. Prima di affermare che i Valdesi [erano] come i Battisti, noi dobbiamo essere sicuri che essi rigettassero la rigenerazione battesimale, e che essi non ammettevano nessuna forma di salvazione [che fosse] per opere, [forma di salvazione che] fu enfatizzata in così pesante maniera dalla dominante Chiesa Cattolica Romana. Fortunatamente, un'antica confessione dei Valdesi, datata circa 1120 A.D. [cinquant'anni prima di Waldo - nota], contiene un inequivocabile rifiuto della dottrina della rigenerazione battesimale, che chiaramente li distingue su questo punto sia dai Cattolici che dai Campbelliti:...."Noi crediamo che i Sacramenti sono il segno di cose sacre, o forme visibili dell'invisibile grazia, tenendo per buono che il fedele talvolta usi i detti segni o visibili forme, se ciò può essere fatto. Comunque, noi crediamo e teniamo, che il sopra menzionato fedele può venir salvato senza ricevere i segni accennati, nel caso non vi sia un luogo o mezzo per usarli". L'antica letteratura Valdese abbonda di evidenze che i Valdesi avevano una sonante dottrina riguardo la soteriologia ovvero la salvazione, insistendo sulla giustificazione per sola fede, CENTINAIA DI ANNI PRIMA DI LUTERO. Ad esempio, l'autore del trattato del 12esimo secolo "Su Il Sogno Del Purgatorio" fa tali affermazioni: ..."Ma S. Pietro mostra, Atti 15, che i cuori sono purgati dalla fede, e la fede è sufficiente per lavarli dal male, senza ulteriori mezzi esterni.... Dove gli apostoli mostrano, che Cristo amò talmente la Sua Chiesa, da non volerla lavare con altri mezzi se non con il Suo proprio sangue". La Confessione delle Chiese Riformate del Piemonte del 1655 contiene questa sonante affermazione della giustificazione per fede: ..."16. Che il Signore avendo pienamente ed assolutamente riconciliato noi a Dio, attraverso il Sangue della Sua Croce, per virtù del Suo merito solo, e non delle nostre opere, noi siamo con ciò assolti e giustificati al Suo cospetto, e nemmeno c'è nessun altro Purgatorio al di là del Suo Sangue, il quale ci lava da tutti i peccati... 18. Che la fede è la graziosa ed efficace opera dello Spirito Santo il quale illumina le nostra anime, e persuade esse ad appoggiarsi e riposare sulla misericordia di Dio, e con ciò applicare a se stessi i meriti di Gesù Cristo". Mentre gli evangelici moderni dei nostri giorni cercano si sottrarsi dalla dottrina della salvazione per mezzo del sangue di Cristo, è chiaro che i Valdesi affermano questa dottrina scritturale, sia nel 12esimo che nel 17esimo secolo. Numerosi storici hanno pagato tributo alla testimonianza dei Valdesi per la dottrina della giustificazione [attraverso] la sola fede. D'Aubigne dice: ..."Dalle loro alte montagne i Valdesi protestarono durante una lunga serie di epoche contro le superstizioni di Roma. "Essi affermano la viva speranza che essi hanno in Dio attraverso Cristo – per la rigenerazione e la rivivificazione interiore dalla fede, dalla speranza e dalla carità – per i meriti di Gesù Cristo, e della completa sufficienza della Sua grazia e giustizia". Tierney e Painter dicono: ...."Essi dichiarano che Cristo ha insegnato la via di vita che porta alla salvazione e che i Suoi insegnamenti possono venir letti nel Nuovo Testamento..... La Chiesa ed i suoi sacramenti sono completamente inutili". Edman dice: Per quanto riguarda la loro visione dottrinale c'è poca diatriba: essi si attengono alla giustificazione per fede, ad una vita di buone opere assieme ad una decisa negazione della assoluzione dei preti o della intercessione di santi e angeli, o dell'esistenza del purgatorio, o dell'autorità della Chiesa Romana". Broadbent dice: ..."A Strasburgo nel 1212 i Domenicani hanno già arrestato 500 persone che appartenevano alle chiese dei Valdesi..... Il loro leader un anziano di nome Giovanni, dichiarò in punto di morte, ....'Noi siamo tutti peccatori, ma non è la nostra fede a farci così, nemmeno noi siamo colpevoli della blasfemia della quale siamo accusati senza ragione; ma noi aspettiamo il perdono dei nostri peccati, e questo [il perdono] SENZA L'AIUTO DEGLI UOMINI, E NON ATTRAVERSO IL MERITO DELLE NOSTRE PROPRIE OPERE ...'. Essi non ammettevano la grandiosamente professata pretesa della Chiesa di aprire o chiudere la via della salvazione, tanto meno essi credevano che la salvazione [avvenisse] attraverso sacramenti o qualsiasi [altra cosa] se non la fede in Cristo, che si mostrò nell'agire dell'amore". 
Monastier mette in relazione questo resoconto su come i Valdesi, sotto il nome di Ultramontani o abitanti al di là delle montagne [etichetta poi di cui si è appropriata secoli dopo la Contro Riforma per i suoi partiti popolari capeggiati da monsignori gesuiti], erano condannati da un monaco Cattolico: ...."Gilles dà il resoconto di un barbe [barba, "zio" o meglio pastore Valdese] il quale, andato a Firenze, sentì un monaco che stava predicando esclamare "O Firenze! Cosa significa Firenze? Il fiore d'Italia. E così tu fosti fino a quando questi Ultramontani persuasero te che l'uomo è giustificato dalla fede e non dalle opere; ed in ciò essi mentono". [trad. da "I Valdesi erano Battisti indipendenti" (titolo originale: "The Waldenses were independent Baptists"), di Thomas Williamson]


GUARDIA PIEMONTESE - Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. [a parte Todeschini...] ------> "Guardia Piemontese (La Gàrdia in lingua occitana) è un comune italiano di 1.558 abitanti della provincia di Cosenza. Guardia Piemontese ha la particolarità di essere un'isola linguistica occitana del meridione italiano. Fu fondata nel XII secolo da rifugiati valdesi provenienti da Bobbio Pellice in Piemonte. Era conosciuta in passato anche come Guardia Lombarda[2].....(....)....Storia - Già nota con il nome di Casale di Fuscaldo, chiamata successivamente Guardia Fiscalda, Guardia dei Valdi e Guardia Lombarda, solo in anni più recenti ha preso la denominazione attuale di Guardia Piemontese. L'aggettivo "piemontese" del nome, deriva dall'origine valdese della popolazione locale, la quale a causa della povertà, dell'intolleranza religiosa e delle persecuzioni subite nelle proprie terre, in Piemonte, dovette fuggire alla ricerca di un luogo più sicuro e ospitale e si trasferì in Calabria dove fondò il paese di Guardia. Altre comunità di valdesi si stabilirono in alcuni paesi vicini, a Montalto Uffugo, e a San Sisto dei Valdesi. I Valdesi arrivarono in Calabria tra il XII e il XIII secolo dal Piemonte, provenienti soprattutto dalla Val d’Angrogna e dalla Val Pragelato. 
Gli abitanti di Guardia Piemontese vissero senza conflitti per due-tre secoli con le comunità cattoliche circostanti. Dopo la loro adesione alla riforma protestante il cardinale alessandrino Michele Ghislieri (futuro papa Pio V), deliberò che venissero annientati sia i valdesi del Piemonte che quelli della Calabria. Scatenò così contro di loro una crociata e li sterminò.[3] La persecuzione religiosa si portò, in tempi antichi, fino nella parte antica di Guardia (il cosiddetto "paese") con scontri e violenze e l'uccisione di gran parte della popolazione, comprese donne e bambini. I pochi superstiti scampati al massacro furono costretti alla conversione. Rimane a tal testimonianza la porta del sangue, chiamata così dal 5 giugno 1561, oltre ai nomi delle strade che ricordano tali fatti storici. Una testimonianza diretta dei fatti cruenti di quel sanguinoso giugno 1561 è contenuta in tre lettere scritte da un abitante di Montalto. « Ora occorre dir come oggi a buon'ora si è ricominciato a far l'orrenda iustizia di questi Luterani, che solo in pensarvi è spaventevole: e così sono questi tali come una morte di castrati; li quali erano tutti serrati in una casa, e veniva il boia e li pigliava a uno a uno, e gli legava una benda avanti agli occhi, e poi lo menava in un luogo spazioso poco distante da quella casa, e lo faceva inginocchiare, e con un coltello gli tagliava la gola, e lo lasciava così: dipoi pigliava quella benda così insanguinata, e col coltello sanguinato ritornava pigliar l'altro, e faceva il simile. Ha seguito quest'ordine fino al numero di
88; il quale spettacolo quanto sia stato compassionevole lo lascio pensare e considerare a voi.(...) Ora essendo qui in Mont'Alto alla persecuzione di questi eretici della Guardia Fiscalda, e Casal di San Sisto, contro i quali in undici giorni si è fatta esecuzione di 2000 anime; e ne sono prigioni 1600 condannati; et è seguita la giustizia di cento e più ammazzati in campagna, trovati con l'arme circa quaranta, e l'altri tutti in disperazione a quattro e a cinque: brugiate l'una e l'altra terra, e fatte tagliar molte possessioni. » 
(da "Colonia Piemontese in Calabria" (Torino, 1862), di Giovenale Vegezzi-Ruscalla[4]) Simeone Florillo, ministro evangelico a Chiavenna in un lettera del 21 agosto 1561 descrisse con queste parole, indirizzate a Guglielmo Grattarola medico a Basilea, il massacro avvenuto a Guardia. « Novità non ho altre, se non che ti mando copia di lettere scritto da Montalto l'11 giugno 1561, stampate a Roma e a Venezia, intorno al macello commesso in Calabria in due villaggi a otto miglia da Cosenza, San Sisto e Guardia, che furono distrutti, e uccisine ottocento abitanti, o circa mille, come scrive da Roma il 21 giugno uno che era servo di Ascanio Caracciolo. Io conobbi quella gente, d'origine valdese, di buona vita e di miglior dottrina. 
Perocché, prima di partir da Ginevra, a loro istanza vi mandammo due ministri e due maestri di scuola. I ministri furono martirizzati l'anno passato, uno a Roma che chiamavasi Giovanni Luigi Pasquale di Cuneo, l'altro a Messina, Giacomo Bonello, entrambi piemontesi. » (Da Gli eretici d'Italia, di Cesare Cantù[5]) Nel 1927 venne fuso con il comune di Acquappesa, formando il nuovo comune di Guardia Piemontese Terme[6]. Recuperò l'autonomia nel 1945[7].....[Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta l'8 mag 2014 alle 12:39. ]".


COME ABBIAMO COSTRUITO GLI ITALIANI – III: I PRIMI PROTESTANTI E VALDESI ERANO I PRIMI CRISTIANI "Il paese in cui noi troviamo i primi di questi Protestatari è l'Italia. La Sede di Roma, in quei giorni, abbracciava soltanto la capitale e province del circondario. La diocesi di Milano, che includeva la pianura Lombarda, le ALPI DEL PIEMONTE, e la provincia MERIDIONALE DELLA FRANCIA, grandemente si estendeva. E' un indubitabile fatto storico che questa potente diocesi non fu tributaria del trono papale. "Il vescovo di Milano", dice Papa Pelagio I (555), "non viene a Roma per l'ordinazione". Egli ci informa che ciò "era un antico costume dei loro". Papa Pelagio, comunque, cercò di sovvertire questo "antico costume", ma i suoi sforzi risultavano soltanto in un più grande straniamento tra le due diocesi di Milano e Roma. Perché quando Platina parla della soggezione di Milano al Papa sotto Stefano IX, nella metà dell'undicesimo secolo, egli ammette che "per 200 anni assieme la Chiesa di Milano è stata separata dalla Chiesa di Roma". Perfino dopo, nella vigilia dell'era Aldobrandina, la distruzione dell'indipendenza della diocesi non fu completata senza una protesta da parte del suo clero, e del tumulto di parte del popolo. Il primo affermava che "la Chiesa Ambrosiana non era soggetta alle leggi di Roma; che è sempre stata libera, e non potrebbe, con onore, rinunciare [surrender] alle proprie libertà". Il secondo ne fece clamore della minacciata violenza a Damiano, l'emissario [di Roma] mandato a ricevere la loro sottomissione. "Tra il popolo crebbe un gran fermento", dice Baronius; "le campane furono suonate; il palazzo episcopale assaltato; ed il legato minacciato di morte". 
Tracce di questa prima indipendenza rimangono sino ai nostri giorni nel Rito o Culto Ambrogiano, ancora in uso nell'intero arcivescovado di Milano..... Una delle conseguenze della [fine della] indipendenza ecclesiastica del Nord Italia fu che la corruzione di cui Roma era la fonte fu in seguito introdotta a Milano e nella sua diocesi. La luce evangelica brillò colà alcuni secoli dopo che le tenebre si addensarono nella parte meridionale della penisola. Ambrogio che morì nel 397 AD, fu Vescovo di Milano per ventitré anni. La sua teologia, e quella della sua diocesi, FU IN ESSENZA NON DIFFERENTE DA QUELLA CHE I PROTESTANTI TENGONO AI NOSTRI GIORNI. La Bibbia SOLA era la sua regola di fede; Cristo SOLO era la fondazione della Chiesa; la giustificazione dei pecccatori e la remissione dei peccati NON erano [frutto di] merito umano, ma del sacrificio espiatorio della Croce; c'erano soltanto DUE sacramenti, Battesimo e la Cena del Signore, e nell'ultimo Cristo era considerato presente soltanto FIGURATIVAMENTE. 
Tale è un riassunto della fede professata ed insegnata dal capo vescovo del Nord Italia alla fine del quarto secolo. Rufinus, di AQUILEIA, primo o metropolitano nella diocesi di Milano, insegnò in sostanza la stessa dottrina nel quinto secolo. Il suo trattato sul Credo è in disaccordo con il Concilio di Trento NON MENO del catechismo dei Protesatanti. Il suo successore ad AQUILEIA, per quanto si possa capiere dai suoi scritti che ha lasciato ai posteri, condivise i sentimenti di Rufinus. Per venire al sesto secolo, troviamo Laurentius, Vescovo di Milano, considerava che la penitenza del cuore, SENZA l'assoluzione del prete, è sufficiente per il perdono; ed alla fine del medesimo secolo (AD 590) torivamo i vescovi d'Italia e dei Grigioni , in numero di nove, RIFIUTARE LA COMUNIONE CON IL PAPA IN QUANTO ERETICA, così poco era creduta l'infallibilità, o così poco riconosciuta la supremazia Romana. Nel settimo secolo troviamo Mansuetus, Vescovo di Milano, dichiarare che l'intera fede della Chiesa è contenuta nel Credo Apostolico; dal quale è evidente che egli non vedeva necessaria per la salvazione le aggiunte [blasfeme] che Roma iniziò a fare, e molte [per giunta] da quando ha [iniziato ad] aggiungerle alla dottrina apostolica. La Liturgia Ambrosiana la quale come abbiamo detto continua ad essere usata nella diocesi di Milano, è un monumento alla purezza della fede e dell'adorazione delle prime Chiese di Lombardia.....Nell'ottavo secolo troviamo Paulinus, Vescovo di AQUILEIA, dichiarare che "noi ci alimentiamo della natura divina di Gesù Cristo, che non può essere detta [raccontata], e deve essere compresa metaforicamente". Così è manifestato che egli rifiutasse la manducazione corporale [transubstantazione] della Chiesa a Roma. Egli anche mette gli uomini in guardia dall'approcciare Dio attraverso un qualunque altro mediatore che non sia Gesù Cristo [come invece la Chiesa di Roma fa astutamente usando la madre di Gesù Cristo per separare il Cristiano da Gesù Cristo il Signore], affermando che EGLI SOLTANTO FU CONCEPITO SENZA PECCATO [evidenziando così la blasfema eresia Cattolica della Immacolata Concezione ed Assunta in Cielo]; che Egli è l'UNICO 
Redentore, e che Egli è l'unico fondamento della Chiesa. "Se chiunque" dice Allix, "vuole prendersi carico di esaminare le opinioni di questo vescovo, EGLI TROVERA' MOLTO DIFFICILE IL NON PRENDER NOTIZIA CHE EGLI NEGA CIO' CHE LA CHIESA DI ROMA AFFERMA IN RELAZIONE A QUESTI ARTICOLI, E CHE EGLI AFFERMA CIO' CHE LA CHIESA DI ROMA NEGA". Deve essere riconosciuto che questi uomini, a dispetto dei loro grandi talenti e della loro ardente pietà, non scapparono completamente alla degenerazione della loro epoca. La luce era in essi parzialmente mescolata con le tenebre. Persino il grande Ambrogio ne fu toccato con la venerazione per le reliquie, ed una debolezza per altre superstizioni dei suoi tempi. Ma per quanto riguarda la dottrina cardinale della salvazione, la fede di questi uomini fu essenzialmente Protestante, e stava fuori in audace antagonismo ai principi del credo Romano. E tale, con più o meno chiarezza, dove essere considerata la professione dei pastori sui quali essi presidiavano.". [da "The History of Protestantism", di J. A. Wylie, ministro della Libera Chiesa di Scozia, capitolo 5, "Testimoni Protestanti del Medioevo"] -----> COMMENTO: non è forse l'ironia della sorte ma un lucido piano di vendetta religiosa il fatto che movimenti e partiti oggi che pretenderebbero la secessione dalla Roma secolare ma NON quella spirituale, abbiano per simbolo un simbolo del più reazionario dispotismo ed imperialismo Cattolico??? [Alberto da Giussano].... In fin dei conti Fascismo e Comunismo cosa altro sono stati nella nostra penisola se non ulteriori tenebrosi cantieri con i quali costruire un nuovo Stato Pontificio, da Lampedusa alle vallate Alpine??.... Il Fascismo non poteva non odiare i Valdesi. Sotto la scusa della fede Calvinista assunta in conseguenza della persecuzione Romana, e quindi sotto la scusa di essere agenti della "perfida Albione" protestante (l'Inghilterra della King James Bible derivante dalla Bibbia di Ginevra), vi era nascosta la longa manus della Chiesa di Roma e dei Gesuiti (vedi l'amico personale e confessore di corte di Mussolini, SJ Pietro Tacchi-Venturi) i quali, dopo averli soppressi fisicamente, volevano sopprimere i Valdesi anche culturalmente, dato che la loro storia è la storia del Cristianesimo perseguitato da millenni. Dopo la IIGM si scelse di non epurare a fondo l'esercito e le forze di polizia dall'eredità Fascista ma, apparentemente in contraddizione, con gli anni si lasciarono sempre più aperte le porte della cultura e dell'accademia al MARXISMO. Ciò non a caso in quanto le teorie del dott. Marx ed Engels sono i perfetti cani da guardia della Contro Riforma nell'opera di censura della storia del Cristianesimo. Cosa altro non sono quei Valdesi, quei Novaziani, quel Claudio di Torino, Ambrogio di Milano, Rufinus di Aquileia, con i loro credi profondamente PROTESTANTI, soltanto in anticipo di MILLE ANNI rispetto all'affissione delle 95 Tesi di Lutero, cosa sono altro se non le CAMPANE A MORTO PER LA DOTTRINA MARXISTA?... Il Marxismo afferma che il Protestantesimo è la sovrastruttura religiosa della classe borghese, che, sempre per le teorie del Materialismo Dialettico storico, sarebbe nata con la fine del Medio Evo. Ma che dire di quei tenaci Cristiani Protestanti ante-litteram che perseveravano nella Fede per secoli e secoli prima di Lutero, perseguitati e rinascevano immediatamente dopo, se non che la loro storia è la più lampante prova di come dietro il Marxismo ed il Materialismo Dialettico vi sia soltanto l'agenda della Contro Riforma?... Dalla Guerra Fredda ai nostri giorni: "Roma Ladrona"? Certo, sacrosanta verità, ma anche in questo caso vi è un inganno, uno sviamento, una diversione che vuole tutto concentrato sul danaro. In verità Roma ha rubato, ma il danaro è ben poca cosa rispetto al vero bottino. Roma la pagana ha derubato l'anima ai Cristiani, e per farlo si è travestita ella stessa da Cristiana, per derubare i Cristiani anche dei loro martiri.


STORIA DEI GESUITI – SAN CLAVERIO SJ, SANTO PROTETTORE DI MANDELA E DESMOND TUTU – I L'Inghilterra Protestante nel XVII secolo appoggiò la pirateria ed il commercio degli schiavi degli Islamici nel Mediterraneo, nella guerra contro il Cattolicesimo. Stranamente tale macchia nel passato Protestante non viene volentieri riesumata ..... 
Sarà forse perché tale spettro, risvegliandosi, potrebbe risvegliarne molti altri, ?..... Tratto dal sito one-evil-org [SJ = Society of Jesus, Società di Gesù]: "Un'altra area in cui i Gesuiti cercarono di competere contro gli stati Protestanti inizialmente fu quella di assicurarsi profittevoli rotte di commercio. Grazie al papa Gregorio XIII, quello Gesuita fu l'UNICO ordine religioso con il potere di condurre COMMERCIO ed ATTIVITA' BANCARIA..... Il Generale Superiore Gesuita Claudio Acquaviva (1581-1615) presto mise a buon fine tale pratica quando nel 1580, egli ordinò a Padre Vilela SJ di acquistare il porto di NAGASAKI da un locale signore della guerra. Il Generale Acquaviva poi mandò Alessandro Valignano SJ ad amministrare la nuova missione commerciale...... I GESUITI perseguirono pesantemente la crescita del loro [completamente di loro proprietà] porto di Nagasaki, fino [a farne] UNO DEI PIU' PROFITTEVOLI PORTI DI COMMERCIO DEL MONDO. 
La proprietà Gesuita del porto di Nagasaki diede alla Società un concreto MONOPOLIO nella TASSAZIONE di TUTTE LE MERCI IMPORTATE NEL GIAPPONE...... I Gesuiti, sotto Peter Claver SJ furono strumento nello SVILUPPO DEL COMMERCIO DEGLI SCHIAVI dall'Africa al Sud America, ai fini di essere usati nelle miniere d'oro. Fino a mezzo milione di schiavi furono imbarcati ed arrivarono [colà] sotto la vigilanza di Peter Claver SJ. Più tardi, i Gesuiti trasformarono Claver da uno dei peggiori signori della schiavitù nella storia, nel santo patrono degli schiavi, Colombiani ed Afro-americani...... Comunque, sia Spagna che Portogallo in particolare, erano arrabbiati per la crescente ricchezza ed influenza dei Gesuiti che si ingrandivano con i loro profitti dalla tratta degli schiavi e dal monopolio del commercio...... In risposta ai Portoghesi che cercavano di stringere in un angolo i Gesuiti in Giappone armando i loro nemici, il Generale Claudio Acquaviva formò un'alleanza nel 1595 con gli OLANDESI per supportare le loro navi ed il loro commercio. In risposta alla nuova alleanza, il Parlamento Inglese....... emise un'ordinanza garantendo un monopolio del commercio pirata alla Compagnia delle Indie Orientali nel 1600........ 
Nel 1602 il Generale Claudio Acquaviva assistette i mercanti Gesuiti per ottenere un incarico per il monopolio dagli Stati Generali dei PAESI BASSI a formare il Vereenigde Oostindische Compagnie or VOC in OLANDESE, letteralmente "Compagnia Unita delle Indie Orientali" (Compagnia dell'India Orientale OLANDESE). Usando l'esclusivo potere dei Gesuiti nel condurre l'attività bancaria e commerciale, la Compagnia delle Indie Orientali rappresentò una delle più profittevoli compagnie della storia grazie al suo controllo delle spezie, degli schiavi, e delle piantagioni. I Gesuiti persero il controllo soltanto nel 1773 quando l'ordine fu sciolto..... La soppressione dei Gesuiti.... Mentre l'iniziale argomento dei Gesuiti relativo al loro coinvolgimento nel commercio fu il corrompere ed ostacolare il commercio Protestante, in realtà FURONO LE NAZIONI CATTOLICHE AD ESSERE LE PIU' SCONVOLTE [mia nota: vedi l'esecuzione geo-politica di massa a Smolensk 2010]. In aggiunta alle disgrazie gesuite c'era anche il crescente pericolo che all'Ordine [Gesuita] arrecava il loro stesso dovere quali incaricati di assassinii. Ogni volta un nuovo re o regina morivano sotto la loro sorveglianza, le famiglie nobili dell'Europa iniziavano ad agitarsi....". [continua]


GIACOBINI E GESUITI ----> [tradotto da oneevil.org]. "La rivoluzione di per se non contribuì di primo acchito alla causa gesuita di ricostituzione della loro società. All'opposto, diede rinnovata confidenza nella loro abilità di soverchiare perfino la più antica monarchia [quella Francese, coinvolta nella soppressione della Società di "Gesù" perciò da punire, e da sempre considerata inaffidabile per quanto riguarda la missione gesuita dello sterminio del protestantesimo Francese] ed in tal modo dare inizio al piano audace di cattura del papa e della ricchezza della chiesa Cattolica........ 
In uno dei più grandi inganni e truffe della storia, il leale agente gesuita Gilbert du Motier, marchese de La Fayette conosciuto semplicemente come "La Fayette", semplicemente non solo abbandonò le sue truppe leali e la sua influenza per nascondersi nell'oscura regione del Belgiò di Liegi dove fu trattenuto convenientemente quale "prigioniero" per 5 anni. All'opposto, La Fayette fu incaricato dai Gesuiti di portare le vaste riserve di oro della Francia in America....... L'oro rubato, a New York, fu piazzato in consegna alla Banca di New York (fondata nel 1784) ed alla appena nata Compagnia Banca di Manhattan (adesso: JP Morgan Chase Bank). [in futuro seguirà su come gli USA furono costruiti proprio con questo danaro]......... 
L'agente gesuita Antoine Christophe Saliceti per diversi anni promosse con molta cura la carriera del compatriota Corsicano NAPOLEONE BONAPARTE. Nel 1795, mentre serviva a Parigi, Napoleone ebbe successo nella soppressione di una ribellione di fedeli alla corona e di contro-rivoluzionari e fu promosso dal nuovo leader di regime Paul Francois Jean Nicolas, viscontge de Barras (Paul Barras) [mia nota: l'attuale generale superiore dei gesuiti è Adolf Nicolas SJ]....... 
Dopo il suo matrimonio con Josephine de Beauharnais, Saliceti si assicurò affinché Napoleone ricevesse il comando dell'Armata Francese in Italia nel marzo 1796 ed ordinò l'invasione dell'Italia in particolare per catturare il Papa a Roma. [mia nota: il fine dei gesuiti fu di istigare la Reazione Cattolica che avrebbe spazzato via ogni forma di secolarismo ed anti-papismo Riformista nella Penisola, in particolar modo nell'Apennino Settentrionale (movimento "Viva Maria!") e Napoli (card. Ruffo)]......... Nello stesso tempo i Gesuiti, per mezzo della Svizzera, formarono le banche private Darier Hentsch & Cie e Lombard Odier Darier Hentsch come custodi di tutto l'oro, i tesori ed i contratti confiscati durante la campagna.........Comunque, papa Pio VI arrangiò un proprio trattato di pace con Napoleone il 19 febbraio 1797. Toccò ai Gesuiti arrangiare l'assassinio a Roma del brigadiere generale Francese Mathurin-Léonard Duphot, in modo da permettere a Napoleone di finalmente completare il compito [assegnato] arrestando il Papa........ A Roma, gli agenti gesuiti del Generale Superiore Gabriel Lenkiewicz S.J. acquisirono tutte le note di tesoro del Vaticano quanto i vari depositi dell'oro e del tesoro Vaticano, mandando [il tutto] in Svizzera alla Darier Hentsch & Cie Bank. In cambio, la banca continuò per un certo tempo a finanziare Napoleone per continuare la sua campagna di conquiste......". COMMENTO ----> Come il recente accoglimento da parte del papa gesuita della donna Sudanese condannata per apostasia, risulta chiaro quanto l'apostasia sia molto cara all'Ordine Gesuita. 
Certe volte l'apostasia è utile. Per sopravvivere. Se non fossero stati dei diligenti apostati, i pii gesuiti, in che altro modo avrebbero potuto rovesciare e liquidare monarchie ed imperi in giro per il mondo? E rastrellare il (verosimilmente) più grande impero economico finanziario mai visto su questo pianeta?..... "15 Se un fratello o una sorella sono nudi, o privati del cibo quotidiano 16 Ed uno di voi dice loro, Andate in pace, siate riscaldati e pieni; nonostante [ciò] non date loro quelle cose che sono necessarie al loro corpo; cosa ne trae profitto? 17 Proprio così la fede, se non ha opere, è morta, essendo sola" [capitolo 2 Giacomo, trad, da King James Bible AV1611/Bibbia di Re Giacomo, versione autorizzata 1611].